logo UCSCquesto oro rotondo

Filippo II di Macedonia
GRECIA
Autore: Mariangela Piziali

La grande produzione di moneta aurea prende avvio in Grecia nella seconda metà del IV secolo, ad opera di Filippo II di Macedonia (359-336 a. C.). Questo sovrano, infatti, durante una fase di forte espansionismo del proprio regno, conquista la città di Krenides (357/6 a. C.), poi ribattezzata Filippi, nel territorio della quale già i Tasi avevano iniziato a coltivare la miniera d'oro e d'argento del Monte Pangeo. Filippo inizia così, dal 352 secondo alcuni, dal 348 secondo altri, ad emettere una notevole quantità di monete d'oro e d'argento.

Le prime vengono definite "filippi": si tratta di stateri del peso di didrammi attici (gr 8,6) e di frazioni. Il nominale maggiore presenta al diritto la testa di Apollo e al rovescio una biga in corsa e il nome del sovrano al genitivo: ΦΙΛΙΠΠΟΥ (= [moneta] di Filippo). La scelta di raffigurare un carro di cavalli è stata messa in relazione con la notizia riportata da Plutarco (Aless. 4) circa monete sulle quali Filippo fece incidere «le vittorie che i suoi carri ottenevano ad Olimpia». Le zecche utilizzate sono quelle di Pella, la capitale del regno, di Amphipolis e, forse, di Aegae.



clicca sull'immagine per ingrandire

Statere di Filippo II
Statere di Filippo II
1/12 di statere di Filippo II
1/12 di statere di Filippo II
© 2008 UCSC Milano